Produzione energie rinnovabili, Piste ciclabili

 

Il Cipnes ha investito e continua a investire molto nella produzione di energia da fonti rinnovabili, così come sta avvenendo, peraltro, a livello mondiale da parte delle più importanti nazioni del pianeta.

Non è solo l’ambiente ad avvantaggiarsene: da un punto di vista meramente economico, gli investimenti nel settore dell’energia, e più in generale di salvaguardare l'ambiente, possono avere un valore aggiunto e un ritorno in termini di occupazione e di sviluppo sostenibile, considerevoli.

La creazione di un distretto produttivo ecosostenibile con l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili assieme all’elaborazione di progetti specifici per l'incremento  dell'efficienza energetica, costituisce l'obiettivo strategico per il Cipnes –Gallura che intende diventare così un punto di riferimento nella produzione ed erogazione di energia da fonti rinnovabili a beneficio di aziende, istituzioni e soggetti (pubblici e privati) che intendano sviluppare iniziative innovative nell'ambito della filiera delle energie rinnovabili connesse con il sistema produttivo del territorio.

Tra i progetti realizzati dal Consorzio vi è un campo fotovoltaico da 1000 kWp a copertura e ripristino funzionale della discarica consortile di Spiritu Santu (Olbia). L’impianto è inserito in un contesto degradato e, di fatto, senza particolare pregio ambientale per la quale, coerentemente con quanto previsto dalla pianificazione energetica regionale e dal Piano Paesaggistico Regionale, l’utilizzo ai fini della produzione di energia pulita risulta la scelta migliore in termini sia ambientali sia economici. La riconversione produttiva e la ricomposizione ambientale è alla base anche del secondo grande campo fotovoltaico da 1.1 Gwh annui, costruito dal Cipnes all’interno di una cava dismessa di proprietà.

E’ in fase autorizzativa un impianto di “digestione anaerobica” per la produzione di biometano (stimto per un volume annuo di ........) prodotto dal trattamento dei rifiuti urbani organici e speciali differenziati (per una quantità annua stimata di ......) non pericolosi trattati nella struttura di compostaggio consortile. Il biogas derivato dalla digestione anaerobica di biomasse derivanti principalmente da rifiuti solidi urbani, verrà trattato per conseguire la qualità del biometano ed essere così immesso nella rete cittadina del gas naturale per la distribuzione nell’area urbana, nel comprensorio industriale consortile di Olbia e in prospettiva anche a servizio del polo sanitario e di ricerca Mater Olbia.

Il progetto più avveniristico del Consorzio Industriale è la pista ciclabile e running con copertura fotovoltaica. Sarà interconnessa alla pista ciclabile comunale e si snoderà partendo dall’ingresso periurbano del distretto industriale consortile di Olbia verso la litoranea della zona industriale in direzione di Golfo Aranci e della spiaggia di Pittulongu. Il percorso avrà una lunghezza di 3,5 km e una larghezza di 4 mt e verrà coperto da 18.000 mq di pannelli fotovoltaici. L’impianto fotovoltaico posizionato su pensiline di copertura avrà una potenza di circa 2 MWp