Infrastrutture telematiche: il Cipnes Gallura è già in linea con gli obbiettivi di connessione dettati dal piano nazionale

banda ultra larga - Italia Digitale 2020

 

 

L'accesso a sistemi di telecomunicazione efficienti e con alto coefficiente di qualità e sicurezza, in particolare per quanto concerne internet, è diventato fondamentale per qualsiasi tipo di iniziativa imprenditoriale, sia commerciale che industriale. L'esigenza di promuovere la propria produzione e competenza specifica (know-how) anche e soprattutto al di fuori del semplice contesto locale ha portato, e porterà sempre più prepotentemente nel futuro prossimo, a dover utilizzare mezzi di telecomunicazione che consentono la propagazione delle informazioni nel modo più semplice, veloce e affidabile possibili.

Il CIPNES Gallura ha favorito nel distretto produttivo di Olbia la diffusa realizzazione, da parte dei più importanti protagonisti presenti sulla scena mondiale, di infrastrutture per la connettività in rete orientate a soddisfare con elevato standard qualitativo le esigenze del processo produttivo del sistema imprenditoriale in esso operante.

Ad oggi sono operativi nell’agglomerato industriale di Olbia, sia con proprie infrastrutture di servizio, sia in taluni casi anche con sedi amministrative, protagonisti primari quali Wind Tre SPA, TIM SPA, Stel Srl e Evolink Srl, ognuno dei quali progetta ed implementa interventi tecnologici finalizzati all’erogazione del servizio di connettività ad internet con capacità di banda anche ultralarga (oltre 100Mb/sec) su cavo, fibra o in WIFI.

Altri operatori nazionali e internazionali hanno recentemente mostrato vivo interesse avviando concrete interlocuzioni con il CIPNES Gallura al fine di poter erogare i propri servizi specifici di connettività all’interno dell’area industriale consortile di Olbia; fra questi risultano esservi anche il gruppo Iliad e la compagnia Siportal srl.

Il CIPNES Gallura ha inoltre avviato importanti interlocuzioni con società di rilievo mondiale per quanto concerne la potenziale implementazione e uso della tecnologia 5G nell’area industriale di Olbia, tecnologia che consentirebbe di poter usare la rete mobile per tutta una serie di servizi certamente innovativi e sicuramente indispensabili nell’ottica dello sviluppo della trasformazione digitale e delle così dette “città, industrie e mobilità intelligenti” (smart cities, factories and mobility).

Il CIPNES Gallura può dirsi all’attualità già in linea con gli obbiettivi di connessione dettati dal Piano Nazionale Banda Ultra Larga – Italia Digitale 2020 che “definisce le linee guida delle iniziative pubbliche finalizzate alla realizzazione delle infrastrutture a banda ultra larga nel periodo che va dal 2014 al 2020, stabilendo di coprire l’85% della popolazione a 100 Mbps e tutti cittadini con connettività di almeno 30 Mbps. (rif: https://www.agendadigitale.eu/infrastrutture/come-va-il-piano-banda-ultra-larga-coperture-gare-infratel-e-il-futuro-a-1-gigabit/)”.

Internet è in definitiva una rete di telecomunicazione che sfrutta diverse tecnologie, quali linee telefoniche in rame, fibra ottica, satelliti etc, per connettere fisicamente fra loro computer, apparati mobili (ad esempio “smartphone”) o altri generalmente fissi (ad esempio “smart tv”).

Oggi viene ad esempio utilizzata:

•    come fonte dalla quale reperire informazioni, alla stregua di una enorme biblioteca (raggiungere e consultare milioni di siti web dislocati in ogni parte del mondo è considerato normale; dalle notizie divulgate tramite un quotidiano online alle guide redatte da appassionati per la costruzione di un oggetto comune o non);

•    per comunicare (dalle iniziali email di solo qualche anno fa alle videoconferenze, che ora sono diventate in molte circostanze prassi di lavoro);

•    per condividere contenuti semplici o complessi, dal singolo documento alle risorse multimediali;

•    per accedere a servizi (ad esempio l’accesso alla propria banca online anch’esso è diventato prassi; l’insegnamento a distanza in alcuni ambiti lo sta diventando);

•    come mezzo per l’intrattenimento (dai giochi online, all’accesso a radio e tv digitali);

•    per comprare o vendere beni e servizi (digital marketing).

L’elenco (parziale e incompleto) delle attività appena esposte fa capire quanto sia importante avere dei canali di accesso alla rete internet quanto più possibile affidabili e performanti per poter svolgere la propria attività (anche) lavorativa, in quanto l’accesso sicuro e performante a internet è a tutti gli effetti soprattutto uno strumento di lavoro e tutte le funzioni sopra elencate sono possibili in quanto qualcuno (in particolare azienda o singolo professionista che sia) le produce e le rende disponibili online.

Con l’infrastruttura di servizi di connessione a internet offerti dall’industria nazionale  e internazionale di settore operante nell’area industriale del CIPNES Gallura a Olbia è da tempo già implementabile ognuna delle funzioni sopra accennate: l’azienda e/o l’investitore che necessita dell’accesso a internet unicamente per la vendita o l’acquisto di beni e servizi “fisici” o quelli che invece vogliono produrre servizi digitali (ad esempio web radio/tv, software house etc) possono trovare nell’agglomerato industriale consortile di Olbia la soluzione ottimale per soddisfare la specifica esigenza del proprio percorso produttivo (ultimo aggiornamento: 06.11.2019).

 

________________________________________________________

Produzione energie rinnovabili, Piste ciclabili

 

Il Cipnes ha investito e continua a investire molto nella produzione di energia da fonti rinnovabili, così come sta avvenendo, peraltro, a livello mondiale da parte delle più importanti nazioni del pianeta.

Non è solo l’ambiente ad avvantaggiarsene: da un punto di vista meramente economico, gli investimenti nel settore dell’energia, e più in generale di salvaguardare l'ambiente, possono avere un valore aggiunto e un ritorno in termini di occupazione e di sviluppo sostenibile, considerevoli.

La creazione di un distretto produttivo ecosostenibile con l'installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili assieme all’elaborazione di progetti specifici per l'incremento  dell'efficienza energetica, costituisce l'obiettivo strategico per il Cipnes –Gallura che intende diventare così un punto di riferimento nella produzione ed erogazione di energia da fonti rinnovabili a beneficio di aziende, istituzioni e soggetti (pubblici e privati) che intendano sviluppare iniziative innovative nell'ambito della filiera delle energie rinnovabili connesse con il sistema produttivo del territorio.

Tra i progetti realizzati dal Consorzio vi è un campo fotovoltaico da 1000 kWp a copertura e ripristino funzionale della discarica consortile di Spiritu Santu (Olbia). L’impianto è inserito in un contesto degradato e, di fatto, senza particolare pregio ambientale per la quale, coerentemente con quanto previsto dalla pianificazione energetica regionale e dal Piano Paesaggistico Regionale, l’utilizzo ai fini della produzione di energia pulita risulta la scelta migliore in termini sia ambientali sia economici. La riconversione produttiva e la ricomposizione ambientale è alla base anche del secondo grande campo fotovoltaico da 1.1 Gwh annui, costruito dal Cipnes all’interno di una cava dismessa di proprietà.

E’ in fase autorizzativa un impianto di “digestione anaerobica” per la produzione di biometano prodotto dal trattamento dei rifiuti urbani organici e speciali differenziati non pericolosi trattati nella struttura di compostaggio consortile. Il biogas derivato dalla digestione anaerobica di biomasse derivanti principalmente da rifiuti solidi urbani, verrà trattato per conseguire la qualità del biometano ed essere così immesso nella rete cittadina del gas naturale per la distribuzione nell’area urbana, nel comprensorio industriale consortile di Olbia e in prospettiva anche a servizio del polo sanitario e di ricerca Mater Olbia.

Il progetto più avveniristico del Consorzio Industriale è la pista ciclabile e running con copertura fotovoltaica. Sarà interconnessa alla pista ciclabile comunale e si snoderà partendo dall’ingresso periurbano del distretto industriale consortile di Olbia verso la litoranea della zona industriale in direzione di Golfo Aranci e della spiaggia di Pittulongu. Il percorso avrà una lunghezza di 3,5 km e una larghezza di 4 mt e verrà coperto da 18.000 mq di pannelli fotovoltaici. L’impianto fotovoltaico posizionato su pensiline di copertura avrà una potenza di circa 2 MWp.