Sovvenzioni Imprese Autotrasporti

L'Assessorato dei Trasporti della Regione Sardegna ha approvato l'avviso pubblico per la concessione di sovvenzioni a titolo di compensazioni alle aziende di autotrasporto ai sensi dell'art.34 della Legge Regionale n.22/2020.

L’intervento è finalizzato a compensare le aziende di autotrasporto operanti in Sardegna delle perdite subite a causa dello squilibrio generato tra servizi in uscita e in entrata nell'isola, a seguito del blocco della movimentazione delle merci determinato dai provvedimenti di contenimento del Covid-19.

I potenziali beneficiari dell’aiuto sono pertanto le aziende di autotrasporto la cui attività si sviluppi nei collegamenti da e per la Sardegna e che rispettino alcune condizioni essenziali di ammissibilità quali:

essere regolarmente costituite e iscritte nel registro delle imprese; essere iscritte all’albo nazionale degli autotrasportatori; avere almeno una sede operativa in Sardegna e svolgere attività nei collegamenti da e per la Sardegna; essere impresa operativa ai sensi dell’avviso in esame, ovvero aver prodotto ricavi da vendite o prestazioni di servizi nei tre esercizi precedenti l’anno 2020; non essere stati destinatari, nel triennio antecedente la presentazione della domanda di sovvenzione, di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni concesse dalla Regione Sardegna.

L’agevolazione viene concessa nella forma di contributo a fondo perduto parametrato sui seguenti criteri quali:

-          Numero dei mezzi totali imbarcati vuoti, eccedenti la media del triennio precedente per il medesimo periodo di osservazione, per i quali è possibile richiedere la sovvenzione;

-          Il triennio precedente coincide con il triennio 2017-2019;

-          Il periodo di osservazione nel quale si è verificato lo squilibrio: quadrimestre 1° marzo-30 giugno 2020;

-          Tariffa media riconosciuta per i mezzi imbarcati vuoti pari a € 350,00;  

Ne deriva che il differenziale di mezzi imbarcati vuoti eccedenti la media nel periodo di osservazione del triennio precedente come sopra indicati costituisce la base di calcolo da moltiplicare per la tariffa media su indicata: il prodotto ottenuto rappresenterà l’ammontare della sovvenzione regionale. 

Le sovvenzioni sono concesse nei limiti e alle condizioni previsti dal regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti "de minimis" e in quanto compatibili, alle disposizioni di cui al quadro temporaneo per gli aiuti di Stato ai sensi della Comunicazione della Commissione europea C(2020) 1863 final del 19 marzo 2020 e successive modifiche ed integrazioni e alla decisione della Commissione europea C(2020) 3482 final del 21 maggio 2020.

L’impresa dovrà quindi indicare nella domanda il regime che intende utilizzare, tenuto conto che il “de minimis” è vincolato alla soglia prevista nel triennio di riferimento per un importo massimo di € 100.000,00, mentre il regime di cui al Quadro Temporaneo alla soglia massima pari ad € 800.000,00, entro il periodo di vigenza attualmente fissato 30 giugno 2021.

Ai fini della ricevibilità della domanda l’impresa proponente dovrà avvalersi dell’utilizzo del sistema informatico SIPES della Regione Sardegna  raggiungibile al seguente indirizzo  https://sipes.regione.sardegna.it , fatta salva la possibilità di inoltrare la domanda a mezzo pec ai seguenti indirizzi Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. esclusivamente nel solo caso in cui si verifichi un comprovato disservizio tale da non rendere possibile l’utilizzo del sistema informatico SIPES.

Si ricorda infine che la domanda di aiuto deve, a pena di ammissibilità, essere sottoscritta dal legale rappresentante dell’impresa con forma digitale, ed essere corredata dai seguenti documenti:

Copia del documento di identità in corso di validità del legale rappresentante

Documenti per la dimostrazione del differenziale dei mezzi trasportati nei periodi di osservazione (marzo-giugno) del triennio precedente (2017-2019) e dell’anno in corso (2020), quali:

-          copia delle fatture emesse dalle compagnie di navigazione da cui si rilevano i mezzi vuoti trasportati nei periodi di osservazione, oppure copia delle “polizze d’imbarco” rilasciate dall’armatore da cui si evincono i medesimi dati;

-          dichiarazione aiuti ricevuti (modulo Allegato 1);

-          modulo per il rilascio della dichiarazione antimafia (solo nel caso in cui l’ammontare della

-          sovvenzione sia superiore ad € 150.000,00) - (modulo Allegato 2).

Le istanze di ammissione al beneficio possono essere presentate, a pena di irricevibilità, a partire dalle ore 12:00 del 18.01.2021 sino alle ore 23.59 del giorno 20.02.2021.