Insula caposaldo del sistema produttivo della Sardegna

Accordo tra Cipnes e tre assessorati regionali per l'internazionalizzazione

Inaugurazione 9Il Cipnes Gallura e la Regione Sardegna con tre assessorati (Turismo come capofila, Agricoltura e Industria) hanno sottoscritto un accordo per la "promozione e l'internazionalizzazione delle filiere produttive identitarie e la promozione dei territori della Sardegna". L'intesa, che sarà resa operativa dalla piattaforma di marketing territoriale Insula nei prossimi tre anni, ha l'obiettivo di potenziare il sistema produttivo sardo, in particolare quello dell'agrifood, dell'artigianato e del turismo sostenibile. 

Sottoscritto con la delibera della giunta regionale del 9 luglio 2020, l'accordo è complementare al Programma strategico “Insula Sardinia Enterprise P.T.E.”, coordinato dalla divisione Agrifood e marketing territoriale del Cipnes Gallura, e al Piano Strategico del Turismo “Destinazione Sardegna 2018-2021”, coordinato dall’assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio della Regione. La mission è doppia: promuovere all'estero le eccellenze della Sardegna, offrendo alle aziende l'accesso a nuovi mercati, e promuovere all'estero una Sardegna turistica sostenibile, attirando nell'Isola nuovi visitatori. 

I punti da realizzare sono cinque. Il primo è legato all'agricoltura. Prevede l'"implementazione del programma di marketing territoriale regionale “Insula” per l'aggregazione, l'innovazione, la promozione e l'internazionalizzazione delle filiere produttive identitarie e dei territori della Sardegna, attraverso la piattaforma pubblica polifunzionale “Insula-Sardinia Enterprise P.T.E.”, in corso di realizzare nel distretto produttivo del Cipnes a Olbia, e le sue unità operative periferiche “Insula Sardinia Village”, come quelle di Porto Cervo (nella foto l'inaugurazione dell'anno scorso) e Forte Village.

Il secondo, sempre legato all'agrifood, è rivolto al turismo. Ha l'obbiettivo di implementare il "progetto di marketing territoriale ‘'Insula – Sardinia Quality World'' volto a sostenere un percorso di promozione, internazionalizzazione, sviluppo produttivo e distributivo delle filiere identitarie di qualità certificata della Sardegna e artistiche, avente quale obiettivo quello di innovare, diversificare e differenziare la Destinazione Sardegna anche attraverso nuovi tematismi, come i “Sentieri del turismo enogastronomico” e le creazioni artistiche dei “Maestri artigiani di Sardegna”.

Il terzo punto ha una forte valenza sociale e culturale. Lo scopo dell'accordo tra Cipnes e Regione Sardegna è infatti quello di "implementare il progetto istituzionale etico-solidale "Insula - Tottumpare... per una Sardegna unita e solidale", volto a sostenere le imprese del settore agroalimentare sardo attraverso un'azione promo-informativa strategica e una campagna etico-solidale che, coinvolgendo il sistema distributivo regionale, orienti le scelte di consumo verso le produzioni agroalimentari della Sardegna".

Il quarto è punto è essenzialmente turistico. Prevede l'"implementazione del Piano Strategico del turismo “Destinazione Sardegna 2018-2021”, con attenzione alla realizzazione congiunta di progetti istituzionali regionali di promozione turistica della Sardegna e a qualificare le eccellenze produttive locali attraverso lo svolgimento coordinato di qualificate attività di marketing, comunicazione, promozione e promo-commercializzazione".

Infine il quinto punto, che si fonda sul mercato fieristico. Ha come obbiettivo la "progettazione e la realizzazione di azioni promozionali fieristiche in ambito regionale, nazionale e internazionale per sostenere processi di sviluppo competitivo, cooperazione e internazionalizzazione del sistema regionale delle imprese, con focus sulle filiere produttive del turismo, dell'agrifood, dell'artigianato e design".

Grande soddisfazione per l'accordo con il Cipnes Gallura è stata espressa dall'assessore regionale al Turismo Gianni Chessa, che ha portato avanti il progetto. “Sono particolarmente fiero di aver completato questa prima fase della collaborazione fattiva con il Cipnes Gallura, le cui iniziative ho seguito fin dall’inizio del mio mandato, anche (ma non solo) con la partecipazione diretta ai sui eventi, non solo in Costa Smeralda - spiega l'assessore -. E’ mia convinzione che, attraverso queste intese strategiche, si possano valorizzare sempre di più i prodotti della nostra terra ed esportare il nome della Sardegna in tutto il mondo. Ora, insieme con i colleghi assessori all’Industria e all’Agricoltura, provvederemo a svolgere tutte le iniziative e gli atti finalizzati alla piena attuazione delle finalità previste dall’accordo quadro”.