Come creare in Gallura startup per nautica e turismo

Bando europeo con Toscana e Costa Azzurra, l'Agency partner istituzionale 

startup nauticaI settori economici del futuro: blue e green economy. Le imprese più innovative: le startup. I territori turistici più noti del Mediterraneo: Gallura e Costa Smeralda, Provenza e Costa Azzurra, Toscana. Uno dei progetti più performanti dell’Unione Europea: l’Interreg. Due partner istituzionali vocati alla crescita dei giovani imprenditori sardi: Sardegna Ricerche e Agency di sviluppo del Cipnes Gallura.

Tutti questi elementi messi insieme danno vita a “STEp-IN-UP - Servizi Trasfrontalieri per l'INnovazione e le startUP”, il bando che seleziona (e sostiene fino a 8 mila euro) le idee e i progetti delle micro imprese (meno di 10 addetti), delle piccole (meno di 50 addetti) e medie (meno di 250 addetti) per la nautica e la cantieristica navale, il turismo innovativo e sostenibile, le biotecnologie blu e verdi e le energie rinnovabili blu e verdi. La domanda può essere presentata entro il 9 aprile. L’Agency del Cipnes, a Olbia, è a disposizione per dare informazioni su come partecipare, basta inviare una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Di “STEp-IN-UP - Servizi Trasfrontalieri per l'INnovazione e le startUP”, il Cipnes è uno stakeholder istituzionale ed è stato scelto per rappresentare i settori produttivi identitari della Gallura: nautica e turismo. Operativamente è invece coinvolta l’Agency di sviluppo Invest in Gallura, che da tempo ha un’importante collaborazione con lo Sportello “Startup” di Sardegna Ricerche, partner del Programma Interreg Italia-Francia Marittimo. L’obbiettivo strategico del bando europeo, dell’Agency e di Sardegna Ricerche è unico: aiutare la nascita di startup in Gallura per l’economia green e blue. Possono partecipare al progetto le imprese costituite da non più di due anni e le imprese innovative costituite da non più di 3 anni. Quelle che parteciperanno riceveranno gratuitamente servizi di formazione offerti da esperti qualificati, in modo transfrontaliero. Gli imprenditori della Gallura si confronteranno con quelli della Provenza, quelli della Costa Smeralda con quelli della Costa Azzurra. 

Le idee imprenditoriali verranno sviluppate in tre passaggi. 

Audit: approfondimento individuale dei bisogni dell’impresa in relazione con il prodotto, servizio, soluzione innovativa, presentata in fase di candidatura, per identificare punti di forza e di debolezza, opportunità di ulteriore sviluppo, migliorie;

Servizi orizzontali: percorsi di sviluppo delle competenze, formazione e/o affiancamento individuale che potranno riguardare le attività di commercializzazione, la tutela della proprietà intellettuale, l’adeguamento del business plan, la gestione delle risorse umane;

Voucher: le imprese che avranno completato il percorso di audit e di sviluppo delle competenze potranno richiedere un voucher dell’importo massimo di 8 mila euro per una contribuzione nella misura massima del 95% delle spese sostenute, per lo sviluppo del proprio piano di business aziendale.