Il Cipnes abbatte del 70% le emissioni di C02 e risparmia sulla bolletta

Partiti i lavori per l'efficientamento energetico della sede di Cala Saccaia

efficientamentoMinore consumo di energia elettrica (-76%) e minori emissioni di C02 nell'aria (-71%). Sono i risultati a favore dell'ambiente e contro il riscaldamento globale che produrranno i lavori di efficientamento energetico nella sede del Cipnes Gallura, a Olbia, partiti in questi giorni.

Da tempo convintamente impegnato nella transizione energetica - dalla riconversione della discarica alla costruzione della pista ciclabile fotovoltaica fino alla produzione di energia solare - il Cipnes sta realizzando il nuovo progetto ecoostenibile che porta - oltre a un forte risparmio per l'ente e a un maggior benessere per i dipendenti - Olbia al passo con la rivoluzione verde in corso in Europa. 

Costruita nel 1999. la sede del Cipnes cambierà volto grazie ai finanziamenti ottenuti dal Cipnes con la partecipazione al bando della Regione Sardegna su “Energia sostenibile e qualità della vita”. La gara d'appalto se l'è aggiudicato la ditta Elettrotecnica srl di Viddalba, per un importo di 685 mila euro.

Tutte le opere saranno eseguite nel massimo rispetto dell’ambiente. I materiali di risulta verranno accatastati in area dedicata e correttamente smaltiti.

Gli interventi sulla palazzina del Cipnes saranno molteplici e complessi (nuovo impianto di illuminazione, nuovo impianto di condizionamento, pannelli solari per la produzione di energia). Vediamoli nel dettaglio.

Nuovo impianto elettrico. L'impianto illuminotecnico sarà totalmente sostituito con lampade a tecnologia LED, che permettono, rispetto alle lampade attualmente utilizzate e a parità di flusso luminoso, un’elevata riduzione di potenza assorbita. IInoltre ci saranno benefici anche dal fatto che il ciclo di vita delle lampade a LED è fino a 10 volte. I LED bianchi, poi, garantiscono un'illuminazione più gradevole e con una migliore resa dei colori rispetto alla luce gialla tipica delle sorgenti a vapori di sodio. Per ottimizzare il risparmio dell’energia elettrica, sono state previste negli uffici lampade dimmerabili, attraverso le quali è possibile regolare il flusso luminoso. È previsto anche un sistema per la rilevazione delle presenze all’interno dei locali, che permetterà un’ulteriore ottimizzazione dei consumi energetici.

Nuovo impianto di climatizzazione. L’intervento consiste nella sostituzione dei ventilconvettori in tutto l’edificio, in quanto risultano vetusti in termini di consumi di energia. I nuovi ventilconvettori avranno motori AC tipo Brushless a variazione continua 0-100% della velocità per garantire la migliore prestazione con livello sonoro molto basso. Verranno sostituiti 93 ventilconvettori con fabbisogno elettrico pari a 90/60/38 watt con i nuovi con fabbisogno elettrico pari a 18/10/5 watt.

Isolamento termico delle superfici. Si agirà sulla componente dell’isolamento termico con conseguente diminuzione degli scambi termici verso l’esterno. Le pareti verranno rivestite all'interno mediante pannelli in lana di roccia ad alta densità dello spessore di 100 millimetri, posizionati a contatto con i pannelli in cls sul lato interno.
I corpi scala, costituiti da setti in cls, verranno coibentati esternamente attraverso l’impiego di pannelli ad alta denistà in lana di roccia dello spessore di 100 millimetri. Le coibentazioni dei solai verranno realizzate mediante l’adagiamento di pannelli di lana di roccia dello spessore di 100 millimetri all’estradosso dei controsoffitti.

Impianto fotovoltaico. La sede del Cipnes utilizza attualmente come unica fonte di energia primaria l’energia elettrica prelevata dalla rete. Considerata la realizzazion della pista ciclopedonale con coertura fotovoltaica, è stato previsto di dedicare un tratto dei pannelli (492.48 kWp) ai consumi della palazzina.

Auto elettriche. È prevista l’installazione di 4 stazioni di ricarica per veicoli alimentati a energia elettrica. Per ognuna sono stati individuati due stalli di sosta per un totale di 8 posti auto. Verrà acquistata anche un’auto elettrica.

Tutti questi lavori permetteranno di avere energia pulita, sostenibile. Attualmente il consumo di energia elettrica della sede del Cipnes è pari a 4.586,14 kWh. Con l’intervento di efficientamento energetico, sarà di 1.076,42. Il risparmio sarà di 3.509,72 kWh all’anno. Una riduzione del 76,5%. Ma il progetto avrò un grande effetto sull’ambiente. In questo momento le tonnellate di C02 emesse all’anno sono pari a 238,4. Dopo i lavori saranno pari a 68,34. Una riduzione del 71,3%.

“Il Cipnes Gallura riconosce nell’efficienza energetica la priorità d'azione della sua politica energetica e attribuisce all'edilizia un notevole potenziale di efficientamento. Questo progetto – insieme agli altri, dalla riconversione della discarica di Spiritu Santu alla creazione della pista ciclabile – contribuiscono a portare Olbia al passo della transizione energetica in corso in Europa”.