Cipnes-Gallura 

Call it: +39 0789 597125 

 Email it: protocollo@pec.cipnes.it

Gli agglomerati produttivi consortili

goldenreed1Il Consorzio Industriale Provinciale CIPNES-Gallura pianifica, infrastruttura e gestisce tre distretti produttivi siti nei comuni di Olbia, Monti, Buddusò-Alà dei Sardi, per una superficie complessiva di circa 850 ettari, dei quali 757 ettari insistono interamente nel comune di Olbia.

L’insediamento produttivo di Olbia si estende per circa 7.570.000 mq e si trova a 5 km dal principale scalo aeroportuale del Nord-Est Sardegna (l'aeroporto Olbia-Costa Smeralda), a 3 km dal porto passeggeri e commerciale e  a 1 km dalla principale arteria stradale della Sardegna, la strada statale 131, che collega il porto industriale di Porto Torres alla città metropolitana di Cagliari. Occupa, inoltre, una porzione di costa (per una estensione di circa 4,5 km) di grande pregio ambientale, è adiacente alla città di Olbia, a partire dalla quale si dirama quasi senza soluzione di continuità.

Il comprensorio industriale consortile di Olbia è un ecosistema di forte attrazione localizzativa per le attività economiche del settore commerciale, dell'industria, dell'artigianato, dei servizi e del ricettivo. Sono anche presenti attività produttive, manifatturiere, artigianali e di servizi generali di interesse sovraurbano. Nel corso di pochi lustri sono aumentate considerevolmente le imprese del settore terziario quali servizi alle imprese, ricerca, formazione, informatica e software, interaprese legate all'economia del turismo con strutture sportive, ricettive, congressuali servite da moderne tecnologie telematiche, confermando così un fenomeno tipico di un'economia avanzata che, anche nel più ampio territorio, ha acquisito un peso specifico importante sia dal punto di vista economico sia occupazionale.

Tutto il comprensorio produttivo dispone dei servizi infrastrutturali di base come approvvigionamento di acqua potabile, reti e impianti ecologici ed energetici, rete viaria interna, illuminazione e reti telematiche. Tra i servizi presenti si segnala quello della raccolta differenziata dei rifiuti e pulizia strade, nonchè quello di gestione degli spazi collettivi e aree verdi; sono presenti diversi punti ristoro e un Resort con dotazioni sportive, sale congressuali e una struttura ricettiva di eccellenza.

Superficie totale (Mq): 7.567.822
Superficie occupata da imprese attive (Mq): 2.738.900
Superficie occupata da imprese non attive (Mq): 320.839
Superficie libera per nuove imprese (Mq): 424.317
Superficie attività produttive (Mq): 3.623.084
Superficie per servizi commerciali (Mq): 1.404.322
Numero totale di lotti: 645
Numero di lotti occupati: 573
Numero di lotti liberi: 72
Numero di lotti con superficie < 2.500 Mq: 198
Numero di lotti con superficie tra 2.500 Mq e 5.000 Mq: 149
Numero di lotti con superficie tra 5.000 Mq e 10.000 Mq: 179
Numero di lotti con superficie > 10.000 Mq: 116
Numero totale di imprese: 726
Superficie minima lotto artigianale (Mq): 1.000
Prezzo minimo (artigianale) al Mq € 41,22
Prezzo massimo (servizi) al Mq € 75,60

 

Z.I. BUDDUSO ALALa localizzazione dell’agglomerato di Buddusò – Alà dei Sardi è stata definita attraverso un percorso di collaborazione amministrativa con il Comune di Buddusò che ha approvato il proprio Piano Urbanistico Comunale (delibera 6/2002), contenente al proprio interno la specifica localizzazione del nuovo agglomerato e la relativa normativa di attuazione urbanistica.

L'area individuata dall'Amministrazione Comunale di Buddusò ha una superficie complessiva pari a mq 508.618 con previsione di pianificazione attuativa su una superficie di circa mq 400.000 dimensionata in funzione delle domande di insediamento.

Il Consorzio Industriale in sinergia con i Comuni di Buddusò e Alà dei Sardi ha attivato una preliminare consultazione con il sistema imprenditoriale locale finalizzata alla verifica e individuazione dei soggetti privati imprenditoriali interessati ad una localizzazione all’interno del nuovo agglomerato industriale. La segnalazione degli investimenti potenzialmente realizzabili nel comparto ha consentito di individuare la dimensione dei lotti attrezzati funzionale alle esigenze degli imprenditori, e ha individuato in circa 425 nuovi addetti la ricaduta occupazionale legata al generale investimento privato nel nuovo comparto.

 

Z.I. MONTIIl progetto attuativo dell'agglomerato industriale di Monti individua nella più generale organizzazione territoriale del C.I.P.N.E.S., un alternativo comprensorio industriale aggiuntivo e integrato rispetto ai due agglomerati attuali di Olbia e di Buddusò-Alà dei sardi; la superficie complessiva del comparto è totalmente ricompresa nel territorio amministrativo del comune di Monti e misura 530.500 mq.

L’area interessata è posta a circa 2,5 km. dalla periferia nord del centro urbano di Monti nella zona Monti Scalo, in un territorio misto pianeggiante e di collina. Comprende tre settori separati tra loro dalle viabilità della S.S. Provinciale 199, della S.S. Sassari- Olbia e della linea ferroviaria. Si trova a una distanza di circa 20 km. dall’attuale agglomerato industriale di Olbia. Il territorio a cui il nuovo agglomerato industriale fa riferimento è quello di Monti ma ad esso possono riferirsi anche ambiti urbani ulteriori, soprattutto in relazione al nuovo scenario territoriale che si configura con l'ampliamento del nuovo asse della S.S. Sassari- Olbia con rafforzamento della sua capacità di attrazione insediativa legata al forte livello di accessibilità territoriale e, in particolare, al collegamento diretto con il polo industriale di Olbia.

La realizzazione della nuova area industriale prefigura in modo compiuto il sistema funzionale delle opportunità insediative di competenza del CIPNES, costituto da agglomerati diversi, con forte livello di relazione trasportistica e accessibilità reciproche, capaci di fornire un’offerta articolata e differenziata di opportunità di insediamento a imprese dei diversi settori, con realizzazione di agglomerati “specializzati” in relazione a particolari tipologie d’impresa e filiere produttive.

La previsione dei lotti destinati alle attività produttive e ai servizi è stata definita puntando a realizzare lotti con dimensioni compatibili secondo le necessità degli investitori privati. Con riferimento alla destinazione più direttamente produttiva sono stati individuati complessivi mq. 332.999, con lotti di dimensioni unitarie molto variabili, comprese fra valori minimi di circa mq. 1300 e valori massimi superiori a mq. 10.000. Il rapporto massimo di copertura indicato è del 50%, l’altezza massima degli edifici è di m. 11.00 e la volumetria massima costruibile viene individuata come potenzialità insediativa massima teorica, derivante dalla utilizzazione del massimo rapporto di copertura e dell’altezza massima degli edifici.

La disciplina d'uso dei tre agglomerati industriali pianificati è consultabile nella relativa sezione del sito Web istituzionale

 

 

 

Design by: www.diablodesign.eu

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.
cookie policy Ok