Turismo, il primato della Gallura per gli hotel a 5 stelle

Istat e Federalberghi: ad Arzachena il 31% delle strutture di lusso in Sardegna

hotel cala di volpeLa Gallura è al terzo posto in Italia per densità dell’offerta alberghiera (ovvero il numero di camere ogni 1000 abitanti), ma dà alla Sardegna il primato nazionale per quella degli hotel a 5 e 4 stelle. Alla vigilia della stagione turistica più incerta di sempre – almeno da quando il turismo, più di sessant’anni fa, ha cominciato a essere una voce importante dell’economia – due pubblicazioni, una di Federalberghi, l’altra dell’Istat, mettono in luce lo straordinario contributo della Gallura al sistema sardo dell’accoglienza.

Cominciamo dal numero di camere ogni 1000 abitanti. Secondo il “Rapporto sul sistema alberghiero e turistico ricettivo in Italia”, pubblicato da Federalberghi nel 2015, al primo posto c’è Rimini con 223,2 camere, poi Bolzano con 140,2 camere e l’ex provincia di Olbia-Tempio con 107,6 (al quarto, per avere un’idea dei grandi numeri della Gallura, c’è Trento con 88,5 camere).

Sempre Federalberghi nel 2020 ha pubblicato uno studio, intitolato “Datatur. Trend e statistiche dell’economia del turismo”, che offre diverse chiavi di lettura. Una di queste analizza il peso delle strutture alberghiere di lusso ed evidenzia che la Sardegna è prima in Italia per questo tipo di segmento. La Sardegna – si legge nel report visionato dal Cipnes Gallura - ha 6.468 presenze alberghiere ogni 1000 abitanti e il 67% è distribuito negli alberghi a 5 e 4 stelle. Al secondo posto, in questa particolare classifica, c’è la Sicilia (66,9%) e al terzo la Campania (66,6%).

Il ruolo decisivo della Gallura in questo primato si può ricavare dalla lettura dei dati Istat sulla capacità ricettiva in Italia. La Gallura ha il 31,4% dei posti letto in Sardegna ma ha il 59,3% dei posti letto degli hotel a 5 stelle di tutta l’Isola. 6 hotel lusso ed extralusso su 10 sono dunque nel nord est. La sola Arzachena – con gli alberghi della Costa Smeralda – ha il 31,2% di tutti i 5 stelle della Sardegna. La maggior parte dei clienti - come abbiamo documentato - arriva dall'estero.

Vediamo i dati assoluti. Secondo l’Istat, in Sardegna ci sono 919 alberghi. Di questi, 405 sono a 3 stelle (44% del totale sardo), 279 a 4 stelle (30,3%) e 32 a 5 stelle (3,5%). Sempre secondo l’istituto nazionale di statistica, in Gallura (intesa qui come l’ex provincia con i suoi 26 Comuni) ci sono 289 alberghi. Di questi, 119 sono a 3 stelle (41% del totale gallurese), 107 a 4 stelle (37%) e 19 a 5 stelle (6,5%).

Ad Arzachena, su 73 hotel, ce ne sono dieci a 5 stelle (e lusso) e hanno 1975 posti letto. A Santa Teresa i 5 stelle sono 3 con 850 posti letto. A Olbia sono due con 519 posti letto. Un hotel 5 stelle è presente, a testa, a Palau (200 posti letto), La Maddalena (202 posti letto), San Teodoro (304 posti letto), Trinità d’Agultu (662 posti letto). Complessivamente, i posti letto lusso ed extralusso della Gallura sono 4.712. In Sardegna sono 7.839. Anche per i posti letto a 5 stelle, dunque, la Gallura possiede il 60% dell’offerta complessiva della Sardegna.

Un'offerta che - nonostante i limiti alla circolazione imposti dal Coronavirus - sarà di nuovo disponibile dal prossimo 26 giugno: da quel giorno riapriranno gradualmente gli hotel storici della Costa Smeralda (Cala di Volpe, Cervo, Romazzino e Pitrizza), tutti a 5 stelle lusso. 


 

Turismo, gli stranieri spendono 1 miliardo in Sardegna

Bankitalia: Gallura provincia più internazionale, tedeschi al primo posto

la maddalenaI turisti stranieri hanno fatto registrare 12 milioni 700 mila presenze nelle strutture alberghiere della Sardegna e hanno speso nell’Isola 1 miliardo e 120 milioni di euro. E’ quanto riporta la Banca d’Italia nel suo ultimo report riferito al 2019 e intitolato “Indagine sul turismo internazionale”. I pernottamenti sono in crescita del 22,1% su quelli del 2018, che erano stati pari a 10 milioni 400 mila. La spesa complessiva è in aumento del 14,4%; nel 2018 era attestata a 977 milioni di euro.

Quando manca poco alla riapertura dei voli internazionali per la Sardegna, prevista per il 25 giugno, il report di Bankitalia conferma dunque l’importanza dei flussi turistici stranieri per l’economia della Sardegna. Come Cipnes Gallura, nel quadro di una serie di servizi sul turismo, abbiamo incrociato diversi risultati ed è arrivata la conferma che questo vale in modo particolare per il tessuto produttivo della Gallura, il più internazionale.

Altri dati – nello specifico quelli diffusi alcuni giorni fa dall’Enac sul 2019 – evidenziano infatti la forte capacità del nord est di attrarre visitatori esteri. La maggior parte dei passeggeri degli aeroporti sardi (9 milioni totali) è di provenienza nazionale: ad Alghero il 70,9 % su 1 milione 385 mila passeggeri, a Cagliari sempre il 70,9% su 4 milioni 760 mila passeggeri. L’aeroporto di Olbia-Costa Smeralda – che serve tutta la Gallura e una parte del Nuorese - segna invece una tendenza opposta: il 52,7% dei suoi 2 milioni 934 mila passeggeri arriva dall’estero.

I numeri di Enac entrano anche nel dettaglio delle nazionalità. Per l’aeroporto di Olbia, al primo posto ci sono i passeggeri della Germania (490 mila), seguiti al secondo da quelli della Francia (284 mila) e al terzo da quelli del Regno Unito (211 mila); poi arrivano quelli di Paesi Bassi (92 mila), Spagna (75 mila) e Austria (58 mila). I passeggeri europei extra Ue (per il 2019 il Regno Unito non è stato inserito in questo elenco) sono stati 227 mila.

Il peso dell’estero sulla Gallura turistica appare chiaramente anche dai dati della Regione Sardegna. In assenza di quelli del 2019, non ancora pubblicati, possiamo fare riferimento a quelli degli anni precedenti. Nel 2018 gli arrivi dall’estero nelle strutture alberghiere ed extra-alberghiere della Gallura sono stati il 59% del totale e le presenze straniere il 57% contro – rispettivamente – il 50% e il 51,6% della media sarda. Le stesse percentuali sono state registrate nel 2017. La graduatoria delle presenze rispecchia l’ordine degli arrivi in aeroporto: al primo posto in Gallura troviamo i tedeschi (958 mila), al secondo i francesi (678 mila) e al terzo i britannici (324 mila).

La Banca d’Italia ha calcolato che in media i turisti britannici spendono 106 euro al giorno nelle loro vacanze in Italia, i tedeschi 89 euro e i francesi 88 euro; i top spender sono invece i giapponesi (232 euro al giorno), i cinesi (151 euro) e i russi (146 euro); le presenze di quest’ultimi sono consistenti in Costa Smeralda. Il 25 giugno ripartiranno i voli internazionali per la Sardegna e dunque per Olbia, dove è in programma l’arrivo di un volo Eurowings da Monaco di Baviera. Molti imprenditori del settore turistico sperano che gli arrivi dall’estero – in questo caso dall’Europa e, in un secondo momento, anche dalla Russia e dagli Stati Uniti - mitighino l’impatto dei danni causati dal Coronavirus.


 

Riaperti tutti i collegamenti per Olbia

Nuovo decreto del ministro dei Trasporti, dal 5 giugno aumentano le rotte di aerei e navi

sharden tirreniaDa oggi, 5 giugno, Olbia è raggiungibile da tutti i porti e gli aeroporti del resto d’Italia. Lo ha deciso il ministro dei Trasporti, che ha così allargato i collegamenti, inizialmente limitati alle sole rotte della continuità territoriale. I voli internazionali, invece, riprenderanno il 25 giugno. Tutti i passeggeri dovranno registrarsi prima di arrivare a Olbia, sia in nave che in aereo. Vediamo che cosa bisogna fare.

Porto di Olbia. Lo sblocco permetterà ai passeggeri di prendere le navi in partenza da Civitavecchia, Genova e anche Livorno. Nella settimana dal 5 giugno all’11 giugno ci sono cinque collegamenti giornalieri (qui l’elenco).

Aeroporto di Olbia. L’apertura al traffico dai tutti gli aeroporti non ha prodotto, al momento, novità. I voli in programma da e per Olbia - come si legge nel sito dell’aeroporto - sono quelli della continuità territoriale con Milano Malpensa e Roma Fiumicino, assicurati da Alitalia. Il 15 giugno segna, per ora, l’inizio di un nuovo collegamento: quello con Milano Malpensa di easyJet.

Registrazione dei passeggeri. Tutti quelli che arrivano in Sardegna, sia in nave che in aereo, devono registrarsi e rispondere a un questionario (stato di salute, contatti con casi di Covid-19, provenienza, destinazione, durata della permanenza in Sardegna). Fino al 12 giugno, il modulo potrà essere compilato a bordo degli aerei e delle navi e consegnato all’arrivo al presidio medico sanitario del porto e dell’aeroporto (qui il documento da scaricare).


 

Aiuti alle imprese sarde, tre strade per il 2020

Prestiti e bonus occupazione: la guida del Cipnes per gli incentivi

incentiviTre aiuti per far ripartire, già dal 2020, gli investimenti delle imprese e l’occupazione in Sardegna: sono i prestiti alle imprese turistiche, il bonus occupazione e il contributo per la creazione di startup. Gli strumenti sono messi a disposizione dalla Regione Sardegna e il Cipnes Gallura, con la sua Agency di sviluppo territoriale, aiuta gli imprenditori a costruire i progetti e a presentare le domande. Vediamo come.

Prestiti al turismo

I prestiti della Regione Sardegna sono destinati alle micro imprese (meno di10 addetti e meno di 2 milioni di fatturato) e alle piccole imprese (meno di 50 addetti e di 10 milioni di fatturato) del turismo. Obbiettivo: garantire la disponibilità di liquidità finanziaria e preservare la forza lavoro delle aziende sarde. I prestiti sono a tasso zero, con un periodo di restituzione di 72 mesi. Non sono previste garanzie reali e/o personali. L'importo ammissibile varia da un minimo di 30 mila euro sino a un massimo di 70 mila euro. Le domande possono essere presentate fino al 31 luglio 2020.

Bonus occupazione

Il bonus occupazione della Regione Sardegna concede un contributo alle imprese sarde che assumono under 35, disoccupati e donne oltre i 35 anni, con incentivi da 1200 euro a 16.000 euro e copertura di un anno. La misura si chiama “T.V.B. Bonus Occupazionali” e finanzia le assunzioni dal 1 ottobre 2019 fino al 21 gennaio 2022. L'incentivo può variare da un minino di 1.200 euro a un massimo di 16.000 euro. Se invece il destinatario dell'assunzione è un soggetto disabile, l'entità dell'incentivo varia da un minimo di 1.800 euro a un massimo 24.000 euro.

Startup

Il contributo della Regione Sardegna per la creazione di startup, di qualsiasi settore economico, è di 10 mila euro. La misura si chiama “Insight – dall’idea al business model” ed è rivolta alle persone fisiche, organizzate in team operativi costituti da almeno 2 soggetti, che abbiano un'età superiore ai 18 anni e siano residenti nel territorio della Regione Sardegna al momento della presentazione della domanda, e che non siano titolari di P.IVA personale e/o di quote societarie in imprese, associazioni e/o enti che svolgono attività riconducibili/affini all'idea imprenditoriale che si intende proporre.

Per avere maggiori informazioni, è possibile scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o chiamare il numero 0789.597125.


 

Olbia di nuovo raggiungibile in nave e aereo

Collegamenti liberi dal 3 giugno. I passeggeri dovranno compilare un modulo

alitalia a olbiaDal 3 giugno, Olbia è di nuovo liberamente raggiungibile sia con le navi che con gli aerei. Un decreto del ministro dei Trasporti e un’ordinanza del presidente della Regione hanno sbloccato partenze e arrivi, introducendo alcuni obblighi per i passeggeri. Dopo i lunghi mesi del lockdown, questo passaggio segna la ripresa delle attività economiche a pieno regime. Vediamo nel dettaglio che cosa si può fare.

Porto di Olbia. Dal 3 giugno – come informa l’Autorità di sistema portuale Mare di Sardegna - i passeggeri possono viaggiare sulla tratta tra Olbia e Civitavecchia, operata da Tirrenia, e su quella tra Olbia e Genova, sempre operata da Tirrenia. Sono rotte della continuità territoriale marittima. Fino al 12 giugno, invece, ci sono limitazioni sui passeggeri per la rotta tra Olbia e Livorno, operata da Moby e Grimaldi.

Aeroporto di Olbia. Il 3 giugno l’aeroporto Olbia-Costa Smeralda è stata riaperto al traffico passeggeri, dopo quattro mesi di chiusura prima per i lavori alla pista e poi per il lockdown. I collegamenti garantiti sono quelli in continuità territoriale tra lo scalo olbiese e gli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa (l’aeroporto di Milano Linate è ancora chiuso). Tutte le tratte sono assicurate da Alitalia. Dal 13 giugno riprenderanno i voli per gli altri aeroporti italiani e dal 25 giugno quelli per gli aeroporti internazionali (nella foto il primo aereo Alitalia partito oggi dal Costa Smeralda; scatto di John Karraca).

Tariffa unica. Fino al 14 giugno, i voli da e per Olbia in continuità territoriale (Milano e Roma) saranno con la tariffa unica: il prezzo dei biglietti sarà dunque uguale per i residenti in Sardegna e i non residenti.

Obblighi per i passeggeri. Dal 3 giugno – come prevede l’ordinanza del presidente della Regione Sardegna del 2 giugno 2020 - tutti i passeggeri in arrivo in Sardegna, sia in aereo che in nave, devono registrarsi prima dell’imbarco, compilando un modulo da inviare in via telematica alla Regione Sardegna (sezione “Nuovo Coronavirus” della homepage regione.sardegna.it) o scaricando la app “Covid19 Regione Sardegna") da IOS e Android.

Deroghe fino al 12 giugno. Tuttavia, fino al 12 giugno, i passeggeri possono compilare il modulo di registrazione a bordo degli aerei e delle navi e consegnarlo, al loro arrivo, al presidio medico sanitario del porto e dell’aeroporto. I passeggeri che hanno già l’autorizzazione per arrivare in Sardegna sulla base delle precedenti ordinanze regionali non dovranno registrarsi.

Sempre dal 3 giugno, una volta arrivati in Sardegna, tutti i passeggeri dovranno sottoporsi alla misurazione della temperatura corporea e dovranno - nel modulo di registrazione - rispondere anche a un questionario. Verrà richiesto il loro stato di salute negli ultimi 21 giorni e dovranno indicare con quale mezzo sono arrivati in Sardegna (nave, aereo) e dove soggiorneranno (casa, albergo). I dati verranno tenuti dalla Regione Sardegna, ai fini del monitoraggio per il Covid-19, per 14 giorni.


 

10 mila euro per creare delle startup

Un aiuto agli imprenditori sardi. Il Cipnes Gallura fornisce assistenza 

startupSardegna Ricerche, l’agenzia regionale per l’innovazione e lo sviluppo tecnologico delle imprese, ha pubblicato un bando per aiutare gli imprenditori sardi a costituire delle startup. Si chiama “Insight – dall’idea al business model” e garantisce un contributo finanziario di 10 mila euro.

Il Cipnes Gallura, con la divisione "Supporto per le Imprese e lo Sviluppo Territoriale", fornisce assistenza e dà supporto agli imprenditori che abbiano idee con elevate potenzialità di generare business profittevoli, sostenibili e capaci di fornire soluzioni innovative a nuovi fabbisogni del mercato.

Chi può fare la domanda. Possono presentare domanda di finanziamento le persone fisiche, organizzate in team operativi costituti da almeno 2 soggetti, che abbiano un'età superiore ai 18 anni e siano residenti nel territorio della Regione Sardegna al momento della presentazione della domanda, e che non siano titolari di P.IVA personale e/o di quote societarie in imprese, associazioni e/o enti che svolgono attività riconducibili/affini all'idea imprenditoriale che si intende proporre.

Che cosa si può fare. Sono ammissibili a finanziamento idee imprenditoriali - in qualsiasi settore economico - con un alto contenuto innovativo e le idee imprenditoriali tese a creare e/o sviluppare prodotti e/o servizi che presentino caratteristiche di differenziazione rispetto a quelli già presenti nel mercato di riferimento. L’aiuto pubblico consiste in un voucher sotto forma di rimborso per le spese materialmente sostenute dal team di persone per l'esecuzione di un piano di attività finalizzato a individuare le migliori strategie di sviluppo dell'idea imprenditoriale e accompagnarla nel successivo passaggio verso un vero e proprio modello di business.

Che cosa può essere finanziato. Possono essere finanziate le spese sostenute per attività di rilevazione dei fabbisogni dei "clienti" target, analisi di mercato, progettazione della proposta di valore e delle sue caratteristiche differenziali rispetto ai prodotti e/o servizi presenti sul mercato, fattibilità tecnica della soluzione progettata e individuata, prototipazione della proposta e test di mercato, e infine anche per eventuali percorsi di validazione dell'idea da realizzarsi all'interno di incubatori/acceleratori di impresa.

Quando fare la domanda. La domanda di accesso e di partecipazione dovrà essere compilata, sottoscritta con firma e inviata esclusivamente via PEC all'indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. entro le ore 12 del 20 dicembre 2021, e dovrà riportare come oggetto la dicitura "Domanda di accesso alle opportunità - INSIGHT 2020".

 Maggiori informazioni. Per avere più dettagli, si può consultare il link di Sardegna Ricerche sul bando "Insight - Dall'idea al business model"


È il 10% della popolazione sarda, ha il 22% dei nuovi contratti

I numeri della Gallura nel report Aspal sul calo degli occupati per Covid-19

lavoratori hotelGarantiva il 22% dei nuovi contratti di lavoro sottoscritti in Sardegna nei primi cinque mesi del 2019. Ha accusato il 27% dei mancati occupati in Sardegna nello stesso periodo del 2020. Sono i numeri dell’ex provincia della Gallura, che rappresenta appena il 10% della popolazione totale in Sardegna. L’analisi emerge dalla lettura dei dati sulle assunzioni pubblicati dall’Aspal, l’agenzia del lavoro regionale. È la conferma della Gallura come polo attrattore di occupati dal resto della Sardegna sia con il suo distretto turistico, sia con gli altri distretti produttivi, a cominciare da quello del Cipnes a Olbia.

L’ultimo report dell’Aspal sugli effetti del Covid-19 in Sardegna fa riferimento al periodo dal 19 febbraio al 19 maggio. I nuovi contratti di lavoro sono stati 34.800: oltre 52 mila in meno dello stesso periodo del 2019 (-60%). Quasi la metà dei posti di lavoro cancellati è nel settore alberghiero: 4500 contratti sottoscritti contro i 28 mila del 2019. Oltre 23 mila posti di lavoro in meno, con un calo percentuale dell’84%.

A livello territoriale è la Gallura ad avere subito il calo maggiore. Il centro per il lavoro di Olbia – che comprende, oltre a Olbia, anche i comuni costieri di Santa Teresa, La Maddalena, Palau, Arzachena, Golfo Aranci, Loiri Porto San Paolo, San Teodoro, Budoni - ha registrato 4 mila contratti contro gli oltre 17 mila del 2019. Oltre 13 mila in meno, con una flessione del 77%. Il centro per il lavoro di Tempio – che ha competenza anche sui comuni costieri di Badesi, Aglientu, Trinità d’Agultu – ha registrato 1000 contratti in meno rispetto ai 1800 dell’anno scorso (-2%).

La Gallura, intesa come ex provincia, ha una popolazione di oltre 161 mila abitanti: il 9,8% di quella totale della Sardegna, pari a 1 milione 640 mila (dati al 31 dicembre 2018, gli ultimi disponibili). A fronte di questo, tra il 19 febbraio e il 19 maggio del 2019 in Gallura è stato sottoscritto il 22% di tutti i nuovi contratti della Sardegna, molti dei quali per addetti del settore turistico e molti dei quali di residenti fuori dalla Gallura. Una percentuale a cui si aggiunge, quest’anno, quella negativa dei mancati nuovi posti di lavoro: il 27% del calo totale in Sardegna è proprio in Gallura.


 

Auto nuove, -97% di vendite in Gallura e a Sassari

Ad aprile acquistate appena 19 macchine. La classifica delle marche

vendite auto

Uno dei settori economici maggiormente colpiti dall’epidemia Covid-19 è quello dell’automotive (produzione di auto e moto, produzione di pneumatici, concessionari). Secondo gli scenari tracciati da Cerved, leader in Italia nell’analisi dei bilanci, le aziende del comparto potrebbero perdere, tra il 2020 e il 2021, da 32 a 86 miliardi di fatturato. Per la sola Sardegna, le perdite potrebbero essere pari a 164 milioni nell’ipotesi base e a 433 milioni nell’ipotesi peggiore.

In questi giorni sono arrivati i primi numeri. Nel mese di aprile 2020, in Italia c’è stato un calo delle vendite di auto nuove del 97,5% rispetto allo stesso mese del 2019, come certificano i dati diffusi dal ministero dei Trasporti. Le auto vendute sono state poco più di 4 mila contro le oltre 174 mila di un anno prima.

La stessa percentuale negativa è stata registrata nella provincia di Sassari, all’interno della quale ci sono anche i dati della Gallura. Lo scorso mese di aprile nella provincia di Sassari sono state vendute appena 19 auto nuove, contro le 762 dell’aprile 2019, le 969 dell’aprile 2018 e le 736 dell’aprile 2017. 

Nello specifico, sono state vendute sei auto a marchio Fiat, due a testa per Citroën, Lancia, Renault e Opel, una a testa per Dacia, Kia, Mitsubishi, Peugeot, Tesla. Nel 2019 furono venduti nella provincia di Sassari 149 modelli di Renault, 87 di Fiat, 82 di Volkswagen, 55 di Ford, 53 di Citroën, 48 di Dacia. Nel 2018 furono venduti 360 modelli di Renault, 91 di Fiat, 89 di Volkswagen, 71 di Ford e 46 di Citroën.

Gli imprenditori del Nord Sardegna segnalano che alla fine dell’anno la metà delle concessionarie potrebbero essere chiuse, come spiegato da Luca Confalonieri, presidente della Sezione Metalmeccanici-Auto di Confindustria Centro Nord Sardegna (province di Sassari e Nuoro). Il comparto occupa 300 dipendenti diretti e 400 dipendenti indiretti e le aziende hanno un fatturato complessivo di 200 milioni di euro.


 

Cipnes Gallura, nuovi servizi per la rivoluzione digitale

Chiesto il parere sull'uso di internet alle aziende del distretto produttivo

computerIl Cipnes Gallura vuole conoscere quali sono i fabbisogni delle imprese del distretto produttivo di Olbia per l’uso di internet e la connettività. L’obbiettivo è quello di fornire un servizio adeguato alla rivoluzione digitale in corso a tutte le 537 aziende insediate nei suoi 760 ettari.

In questi giorni è stato inviato alle imprese un questionario, con un linguaggio semplice e che può essere compilato in pochi minuti, in cui viene chiesto loro di rispondere sullo stato attuale dell'accesso a Internet, il numero di dipendenti che utilizzano la connessione, l’uso di strumenti come la videoconferenza, lo smartworking, l’insegnamento di corsi a distanza, le trasmissioni audio/video. 

Alle imprese viene chiesto di segnalare eventuali criticità e di esprimere il loro parere sull’utilizzo di sistemi wireless (senza cavi); infine dovranno indicare i campi di applicazione che potrebbero migliorare la competitività della propria attività economica. 

Le risposte degli imprenditori - che vanno inviate via mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - sono fondamentali per aiutare il Cipnes a fornire ancora migliori servizi a tutte le aziende insediate.


 

Olbia aumenta la popolazione anche con il lockdown

Città sempre attrattiva: + 104 residenti nei primi 5 mesi del 2020

immigratiOlbia continua a essere attrattiva. Gli ultimi dati pubblicati dall'Istat e dal Comune confermano sia la crescita demografica della città, arrivata a maggio a contare 61.527 abitanti, sia l'ottimo saldo migratorio. La differenza tra chi prende la residenza a Olbia e chi la lascia è infatti positiva da decenni e, seppure con alcuni rallentamenti dopo la crisi finanziaria del 2008, la tendenza è rimasta tale anche negli ultimi cinque anni. Anzi, a cominciare dal 2019 l'arrivo di immigrati - sia italiani, da altri Comuni della Sardegna e dalle altre Regioni, sia stranieri - è tornato a essere consistente, come si può vedere nella tabella.

Nel 2016 ci sono stati 1461 immigrati e 1070 emigrati: saldo positivo di 391 unità. Nel 2017, 1370 immigrati e 1159 emigrati: + 211. Nel 2018, 1415 immigrati e 1061 emigrati: + 354. Nel 2019, 1671 immigrati e 1153 emigrati: +518. Nei primi cinque mesi del 2020 - fino al 20 maggio - ci sono stati 453 immigrati e 349 emigrati: saldo positivo di 104 unità. È un aumento consistente tenuto conto del lockdown di due mesi imposto dal Governo per contrastare l'epidemia Covid 19. Nel mese di aprile, infatti, il Comune di Olbia, come si legge nell'aggiornamento statistico sul suo sito internet, non ha registrato alcun immigrato. 

Olbia - con la sua buona qualità della vita e la sua economia alimentata dalle attività del distretto produttivo del Cipnes, dell'aeroporto, del porto e del settore dei servizi e del turismo -  continua a offrire ottime opportunità di lavoro a numerosi cittadini italiani e stranieri, confermandosi così una delle città più dinamiche non solo della Sardegna ma di tutta l'Italia. Ricordiamo che è la terza città, dopo Milano e Parma, a essere cresciuta di più nel difficile decennio 2009-2019. 

Gli ultimi aggiornamenti statistici forniscono altre indicazioni interessanti su Olbia. Gli stranieri residenti al 31 dicembre 2019 erano 6.519, pari al 10,6% della popolazione totale. La crescita percentuale degli stranieri è stata del 2,9% contro quella dell'1% della popolazione totale. 

Il quartiere più popoloso di Olbia è quello Ospedale (4.660 residenti), seguito da Baratta (3822 residenti) e San Nicola (3193 residenti). Nell'area industriale del Cipnes ci sono 205 residenti.