Evento: "Sardegna. Laboratorio di innovazione", come attivare, supportare e finanziare l'innovazione per la crescita dei territori

Il CIPNES, in collaborazione con dpixel e Associazione TechGarage, e con il patrocinio di Fondazione di Sardegna e Sardegna Ricerche, ha promosso un dibattito pubblico tra operatori, autorità, accademici, studenti, giornalisti ed esperti, con l’obiettivo di avviare una riflessione sulle dinamiche dell’ innovazione in Sardegna e aprire uno spazio di discussione di progetti, idee e best practice con i protagonisti della scena locale e nazionale. Durante la giornata sono state premiate le due migliori idee della Business Plan Competition: “CIPNES Barcamper Challenge”.

Evento Innovazione

Grande attenzione e grande risposta di pubblico per l'evento promosso dal CIPNES-Gallura "Sardegna. Laboratorio di innovazione" che si è svolto il 7 marzo a Olbia presso la sala conferenze del Geovillage Resort.

La giornata, moderata dal giornalista del Sole24Ore Luca Tremolada, ha visto alternarsi nel corso di 5 tavole rotonde autorità, accademici, esponenti del mondo della scuDSC 9651ola, giornalisti, ed esperti a vario titolo di innovazione.

"Il nostro obiettivo è  stimolare la riflessione sulla cultura e sul modo di fare impresa, e sulle tematiche dell'innovazione" - hanno detto il Presidente del CIPNES Mario Gattu e il Direttore Generale Aldo Carta - "L'innovazione è la chiave per la crescita e lo sviluppo dei territori, e per tale motivo il CIPNES nello svolgimento della sua missione istituzionale vuole rendersi protagonista di queste dinamiche, non solo sensibilizzando il sistema produttivo locale, ma soprattutto attraverso la realizzazione di azioni concrete che costituiranno il cuore della nascente piattaforma Insula Sardinia Enterprise”. Tanti erano i giovani studenti in platea in rappresentanza degli Istituti superiori ai quali, per la realizzazione del progetto MIUR Olbi@inlab (capofila l'Istituto professionale Amsicora), il CIPNES ha destinato circa 800 mq proprio nella nascente Piattaforma di marketing territoriale INSULA.DSC 9873

Durante l'evento hanno raccontato la loro esperienza i giovani imprenditori delle startup già consolidate, e i potenziali imprenditori delle nuove startup selezionate durante la Business Plan Competition "Cipnes Barcamper Challenge", il tour che ha coinvolto l'intero territorio nazionale alla ricerca di progetti innovativi d'impresa in campo nautico, del food-tech e dell'agroalimentare: i nove team finalisti hanno presentato la loro idea di impresa e si sono poi sottoposti all'analisi critica di una giuria di opponent composta da venture capitalist, banche, stakeholder e istituzioni che, alla fine, hanno scelto i due vincitori dello special prize "Sardegna Ricerche". Ad aggiudicarsi i due premi  da  15.000   euro  ciascuno le startup HolaBoat, piattaforma web di boat&breakfast, e Il Capitano, portale dove è possibile acquistare corsi per tutte le tipologie di patenti nautiche.

Scarica la locandina

Video dell'evento: i saluti istituzionali, le cinque tavole rotonde, i pitch delle startup finaliste e la premiazione delle due vincitrici

DSC9643Slide1index-05Slide3Slide5Slide6Slide 4DSC9855

 

 

Rassegna stampa:

Eventi gruppo Sole24Ore 27 marzo 2017

La Nuova Sardegna 13.03.2017

La Nuova Sardegna 08.03.2016

L'Unione Sarda 08.03.2016

La Nuova Sardegna 06.03.2016

Olbia.it

SardegnaEventi24.it


 


 

 

 CIPNES-Gallura, innovazione e imprenditorialità

 

Eventi Sole24Ore 27.03.2017

Oggi il Consorzio Industriale CIPNES, che pianifica e gestisce il distretto produttivo di Olbia (700 ettari ottimamente infrastrutturati con 600 aziende in esercizio e 50 in fase di programmazione e insediamento), non è più solo venditore di spazi attrezzati per l'insediamento industriale, ma crea le condizioni per generare, implementare e consolidare idee imprenditoriali innovative.


Sintesi e paradigma di questa evoluzione della mission consortile originaria è la Piattaforma di marketing territoriale PTE-Insula-Sardinia Enterprise, in realizzazione all'interno del distretto produttivo di Olbia in un'area di 100.000 mq prospiciente il mare, sulla base di un Accordo di Programma promosso da Regione Sardegna, comune di Olbia, Provincia e CIPNES-Gallura soggetto attuatore. L'apertura è prevista nel 2018.

 

 Articolo pubblicato da "Eventi" gruppo Sole24Ore del 27 marzo 2017

 

 


 

 

Presentato il progetto-programma del CIPNES-Gallura di marketing territoriale per l'aggregazione, l'innovazione e l'internazionalizzazione delle filiere dell'agroalimentare, del comparto ittico e dell'artigianato di eccellenza

L'Accordo di Programma concluso tra Regione Sardegna, Comune di Olbia, Provincia e CIPNES-Gallura prevede un finanziamento disposto dalla Regione di circa 15 milioni di euro


 

DSC 0121Nasce "INSULA", la piattaforma di Marketing territoriale per lo sviluppo delle attività produttive della Sardegna e la promozione dei territori, con focus sulle filiere agroalimentari, l'artigianato artistico, la nautica.DSC 0156

Presentato venerdì 8 luglio 2016 nella sala convegni del Museo Archeologico di Olbia, in una conferenza stampa-tavola rotonda particolarmente partecipata, il nuovo hub polifunzionale in costruzione all'interno del distretto produttivo, in un'area prospiciente il Golfo di Olbia, sarà un ponte permanente fra l'offerta qualificata del sistema produttivo sardo e i mercati regionale, nazionale e internazionale.

Il CIPNES, in collaborazione con la Regione Sardegna, le Associazioni di categoria, gli Enti territoriali e le imprese, intende tracciare un preciso percorso per la costruzione di un nuovo modello di sviluppo sostenibile e condiviso, fondato sui valori identitari della Sardegna.

Tra gli obiettivi strategici del programma vi sono lo sviluppo del know how d'impresa, il sostegno all'innovazione e alle start up di settore, e l'attivazione dei processi di certificazione indispensabili per sostenere l'attività di internazionalizzazione delle reti d'impresa, valorizzate attraverso il programma di marketing territoriale del CIPNES.

Erano presenti glDSC 0124i Assessori Regionali Maria Grazia Piras (Industria) e Elisabetta Falchi (Agricoltura).DSC 0178 2

"La Regione sta investendo molto per risolvere le inefficienze e le criticità del sistema produttivo, - ha spiegato l'Assessore Piras - per esempio cercando di eliminare le lungaggini burocratiche, lavorando per abbattere il costo dell'energia e attrarre investimenti".

L'Assessore Falchi ha sottolineato che i consumatori ormai cercano la qualità nel cibo e pretendono di conoscere la provenienza e le caratteristiche di ciò che mettono in tavola. "Vogliamo investire le risorse dei Piani di sviluppo rurale in questa direzione - ha sottolineato - così da rafforzare le filiere produttive".

Al dibattito sono intervenuti Matteo Giuliano Caroli dell'Università Luiss, Giacomo del Chiappa del Polo Universitario di Olbia, Paolo di Marco Responsabile Simest per la Sardegna, e Gianluca Dettori fondatore e presidente della società di venture capital DPixel.

DSC 0217 2DSC 0228A regime si partirà a giugno 2017, e per quella data bisogna essere pronti: "abbiamo intessuto una rete estesa con tutte le associazioni del mondo imprenditoriale e con esponenti di rilievo del mondo imprenditoriale, finanziario, professionale e accademico - spiegano Aldo Carta e Massimo Masia, rispettivamente Direttore Generale del CIPNES e Project Manager del progetto - perchè saperi diversi devono dare il loro contributo decisivo per crescere assieme".

Anche il sindaco di Olbia Settimo Nizzi ha sottolineato l'importanza del dialogo: "c'è leale collaborazione con la Regione sulle opportunità di finanziamento derivanti dai fondi europei" ha detto, e ha ricordato come nel 2010 fu proprio l'Assessorato della Programmazione a finanziare il progetto della Piattaforma Tecnologica Europea, che allora puntava sulla nautica e che oggi, invece, si rivolge anche alle filiere produttive dell'agrifood, del comparto ittico e dell'artigianato.

 

Relazione illustrativa del progetto INSULA   

Immagini rendering pte - insula - Sardinia Enterprise


La rete di parternariato di promozione e supporto dell'iniziativa:

Loghi rete parternariato

 

Rassegna stampa:

Eventi gruppo Sole24Ore 27 marzo 2017

Eventi gruppo Sole24Ore 19 settembre 2016

L'Unione Sarda 11.07.2016

Regione.sardegna.it 11.07.2016

La Nuova Sardegna 10.07.2016

La Nuova Sardegna 09.07.2016

L'Unione Sarda 09.07.2016

La Nuova Sardegna 08.07.2016

Unionesarda.it 08.07.2016

Olbia.it 08.07.2016

SardegnaBlogger.it 08.07.2016

Cronacaonline.it 08.07.2016

Regioni.it 08.07.2016

Videolina.it 08.07.2016

La Nuova Sardegna 05.07.2016

 

Il video dell'evento di presentazione del programma di marketing territoriale INSULA


 

 

Il CIPNES realizza nel distretto produttivo consortile una pista di running, ciclismo e pattinaggio interamente coperta con pannelli fotovoltaici


pista ciclabile la nuova 15.08.2016Una pista di running, ciclismo e pattinaggio coperta da pannelli fotovoltaici si snoderà costeggiando in diversi punti il mare del Golfo di Olbia, a partire dalla città (via dei Lidi) lungo l'agglomerato industriale consortile, e fino al Pozzo Sacro.

Sarà lunga tre chilometri e mezzo, larga quattro, e sarà coperta da diciottomila metri quadri di pannelli fotovoltaici che produrranno ogni anno energia elettrica per oltre due milioni e mezzo di kWh.

La Regione dovrebbe dare il via libera definitivo a breve e la pista essere operativa dal 2017.

L'opera è finanziata con fondi europei (Fondo Jessica) e la spesa complessiva stimata è di circa sei milioni di euro.

Il progetto fa parte del più generale piano strategico del Consorzio Industriale sulle energie rinnovabili che vede già attivi e in piena produzione gli impianti foitovoltaici della cava dismessa di Azza Ruja (sessantuno mila kWh al mese), e di Spiritu Santu (sessantasette mila kWh al mese).

L'obiettivo più ambizioso resta però quello di utilizzare al massimo il biogas prodotto dalla frazione umida dei rifiuti conferiti presso la piattaforma impiantistica consortile. Una produzione che il Cipnes in parte già utilizza e trasforma in energia elettrica nel sistema impiantistico esistente, e che prossimamente, grazie a un progetto di ulteriore produzione attraverso un biodigestore anaerobico della frazione umida di r.s.u. in fase avanzata di definizione, verrà trasformato in biometano e distribuito come gas di città e a supporto delle aziende energivore della zona industriale, sfruttando la rete di Fiamma 2000, l'attuale concessionario del servizio pubblico comunale per la distribuzione del gas a Olbia.

 

planimetria pista ciclabile-versione completa

La planimetria della pista ciclabile

Una pista di tre chilometri coperta da pannelli solari - La Nuova Sardegna 15.08.2016

BEI: Fondo Jessica, Isole del Mediterraneo

Verifica di assoggettabilità alla VIA impianto fotovoltaico 2MWp pista ciclabile e running

 


 

 

Partnership tra la città di Olbia e la municipalità della città cinese di Nanchino: la collaborazione prevede scambi commerciali e progetti di sviluppo turistico. Presentato il progetto del Cipnes INSULA Sardinia Longevity World

 

La Nuova Sardegna 24.02.2017Venerdì 24 febbraio 2017, nella sede dell'Aviazione Generale, il sindaco di Olbia Settimo Nizzi ha firmato una lettera di intenti con il vicepresidente della camera di commercio di Nanchino Shen Ping, e con  PanYining, il presidente della società Ciele che organizza la fiera Dff (Design food and fashion) del made in Italy.

L’accordo favorirà i rapporti commerciali tra le attività produttive di Olbia e la municipalità della città cinese di Nanchino (che con i suoi nove milioni di abitanti è oggi una delle città più importanti dell'immensa Repubblica Popolare Cinese), ma soprattutto permetterà la partecipazione alla grande fiera internazionale che si svolgerà proprio a Nanchino dal 27 maggio al 4 giugno 2017: quest'anno la fiera Design food fashion sarà interamente dedicata all’Italia.

Oltre ai rapporti commerciali, l'altro intento del comune di Olbia è quello di attrarre i visitatori cinesi anche in considerazione del fatto che i due maggiori tour operator cinesi, presenti alla fiera, promuoveranno il turismo verso le 6 regioni italiane invitate, ovvero Sardegna, Piemonte, Umbria, Toscana, Lazio e Campania.olbia-nanchino

Alla firma e alla successiva conferenza stampa erano presenti anche il consulente dell'Assessore regionale al turismo della Sardegna Antonio Usai, il rettore dell'Università di Sassari Massimo Carpinelli e il project manager del Cipnes Massimo Masia che ha presentato il progetto INSULA Sardinia Longevity World, ovvero la piattaforma di marketing territoriale per la promozione e internazionalizzazione delle filiere produttive identitarie della Sardegna per i settori dell'agrifood, dell'artigianato artistico, del design e della nautica che il Consorzio Industriale CIPNES sta realizzando attraverso un accordo di programma concluso tra Regione Sardegna, comune di Olbia, Provincia e il CIPNES in qualità di soggetto attuatore.

Il progetto del CIPNES INSULA, uno dei più interessanti illustrati ai rappresentanti della comunità cinese, sarà presente con appositi "corner" alle maggiori fiere internazionali di settore, ovvero Milano, Parigi, Colonia, New York, San Francisco e Nanchino.

Cipnes Sardinia Longevity World


Scarica programma INSULA Sardinia Longevity World

 

 


 

 

Il CIPNES-Gallura e l'Agenzia forestale regionale Fo.re.stas. realizzano il progetto di valorizzazione economico-sociale del patrimonio naturale e del verde attrezzato dell'agglomerato industriale consortile 

 

foto7-Il CIPNES-Gallura nella prospettiva di accentuare la ristrutturazione urbanistica e la riqualificazione ambientale dell’area industriale consortile di Olbia anche ai fini dell’ottenimento dello status di A.P.E.A. (Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata), attuerà nei prossimi mesi interventi di recupero e riqualificazione delle aree degradate e delle aree verdi esistenti nel distretto produttivo consortile di Olbia attraverso un approccio gestionale integrato (riuso della risorsa idrica, assorbimento/abbattimento del CO2 tramite selezionate specie arboree, riduzione del consumo idrico, ecc.), privilegiando le essenze autoctone che, nella scala evolutiva, hanno mostrato il migliore adattamento all’ambiente locale risultando, conseguentemente, quelle che richiedono il minore consumo energetico per il loro sostentamento in termini di acqua, luce e sostanze minerali.

Per promuovere la riqualificazione e l’espansione delle zone verdi, il CIPNES si avvarrà della consulenza e della collaborazione tecnica dell’Agenzia forestale regionale Fo.re.stas. sia nelle fasi di programmazione, progettazione ed esecuzione degli interventi, sia nel processo di riconoscimento dell’area produttiva consortile quale Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata (A.P.E.A.). Nella convenzione conclusa dal CIPNES e da Fo.re.stas. in data 21/12/2016, infatti, i due Enti si impegnano a collaborare per l’intera durata di attuazione del progetto. Nello specifico, il CIPNES potrà avvalersi della professionalità del personale dell’ufficio tecnico dell’Agenzia Forestale del complesso Bassa Gallura in forza presso la sede di Olbia che, per parte sua, si impegna a fornire anche il materiale vegetale secondo le modalità previste dal proprio regolamento.

Il progetto di riqualificazione e ricomposizione degli spazi verdi e delle aree di standard dell’area industriale consortile prevede la costruzione di parchi e giardini, la realizzazione di aree verdi a corredo delle principali infrastrutture, di parcheggi e viali alberati, e di sentieri naturali ciclo-pedonali. Gli interventi saranno sviluppati prevalentemente attraverso l’attivazione di percorsi tematici scientifici improntati (nel rispetto delle Norme UNI/PdR 8:2014) allo sviluppo sociale e sostenibile degli spazi verdi.La Nuova Cipnes Forestas

Il CIPNES ha inoltre presentato la manifestazione di interesse per l’adesione al programma triennale 2016-2018 denominato “un milione di alberi”. L’iniziativa, promossa dalla giunta regionale con delibera n. 8/17 del 19.02.2016, ha come obiettivo quello di contrastare il cambiamento climatico e di difendere le biodiversità mediante la messa a dimora di piante rigorosamente autoctone. Pertanto, il CIPNES, sulla base dell’accordo già siglato con Fo.re.stas., riqualificherà ed estenderà le superfici di verde dell’area industriale di Olbia con l’impiego di materiale vivaistico autoctono e certificato.

 

Leggi l'articolo de "La Nuova Sardegna" del 6 febbraio 2017

 

 


 

 

Manutenzione straordinaria della Circonvallazione ovest di Olbia - viabilità primaria di collegamento all'agglomerato industriale e al porto commerciale 

 

Svincolo San NicolaIl Consorzio Industriale CIPNES-Gallura è impegnato nella manutenzione straordinaria della viabilità primaria di collegamento all’agglomerato industriale e al porto commerciale di Olbia, in particolare nel tratto di circonvallazione ovest compreso tra lo svincolo sulla S.P. 4/M “Olbia-Arzachena-Palau” e lo svincolo sulla strada statale SS 199 “Olbia-Sassari” – SS 131 DCN direttrice Nuoro-Cagliari.

Per i lavori di messa in sicurezza della circonvallazione ovest di Olbia (finanziati con il Piano Regionale delle infrastrutture che la Giunta Regionale ha approvato con deliberazione 22/1 il 7 maggio 2015), la Regione Sardegna ha individuato il CIPNES-Gallura come soggetto attuatore e ha previsto un finanziamento di 2.700.000 euro.

Gli interventi previsti sull’intera estesa stradale comprendono la scarifica e il rifacimento del manto bituminoso d’usura, il rifacimento e l’adeguamento della segnaletica stradale orizzontale e verticale, la sostituzione dei guard-rails a doppia onda con quelli a tripla onda, e, infine, la sostituzione dei giunti di dilatazione ammalorati nei viadotti nonché il ripristino funzionale del sistema di ancoraggio della struttura portante delle barriere antirumore-fonoisolanti.

Gli interventi sono stati articolati in due stralci funzionali: il primo stralcio, già realizzato, ha riguardato il tratto di strada della circonvallazione esterna compreso tra lo svincolo tra la S.P. 4/M “Olbia-Arzachena-Palau” e lo svincolo “Olbia – via Barcellona”, e il tratto relativo all’intersezione rotatoria tra la S.P. 82 Olbia-Pittulongu e l’ingresso per il porto industriale.

viadottoI lavori sono stati eseguiti nel periodo tra settembre e dicembre 2015 (collaudati il 17.03.2016) dall’impresa CO.GE.SA. Srl di Ozieri, per un importo pari a euro 570.487,34 più iva.

Gli interventi del secondo stralcio, suddivisi in due lotti prestazionali già appaltati, saranno realizzati tra gennaio e marzo 2017 lungo la circonvallazione ovest, nella tratta compresa tra la svincolo “Olbia-Via Barcellona” e lo svincolo sulla strada statale SS 199 “Olbia-Sassari” – SS 131 DCN direttrice Nuoro-Cagliari; gli interventi di manutenzione ricomprendono anche gli svincoli della S.S. Olbia-Sassari, Nuovo Ospedale, Pasana e Santa Mariedda.

L’impresa Licheri srl di Sarule (NU) eseguirà gli interventi sul tappeto di usura, sostituirà i giunti di dilatazione nei viadotti e si occuperà del rifacimento della segnaletica orizzontale (1° lotto prestazionale). L’importo di questi lavori è pari a euro 584.905,76 più iva.

L'impresa Palistrade 2000 srl di Caserta eseguirà gli interventi relativi alle barriere di sicurezza, alla sostituzione dei guard rail e alle reti di protezione sui viadotti (2° lotto prestazionale) per un importo totale pari a euro 580.980,30 più iva.

 

Leggi l'articolo de "La Nuova Sardegna" del 21 gennaio 2017